Sorrento, torna l’appuntamento tradizionale con la festa di Sant’Antonino

Sorrento – Domani Martedì 5 febbraio per i sorrentini è un giorno particolare.

Di fatti con il suono del così detto campanone della Basilica Pontificia dedicata al Santo Abate Padre e Maestro della Città del Tasso, cominceranno i festeggiamenti in onore di Sant’Antonino Abate, patrono di Sorrento e dell’Arcidiocesi Sorrentino/Stabiese.

Da domani fino al 12 febbraio tutte le sere in basilica dopo la recita del Santo Rosario ed il canto delle Litanie di Sant’Antonino, ci sarà la celebrazione del Vespro con l’omelia tenuta da S.E. Rev.ma Mons. Beniamino Depalma, vescovo emerito della città di Nola che presiederà pure la Santa messa nella sera di Domenica 10 febbraio alle ore 18,00.

Mercoledì 13 febbraio, come consuetudine, alle ore 10,00 verrà celebrata la Messa sulla tomba del Santo Abate nella cripta della Basilica ed a seguire si svolgerà la Processione eucaristica percorrento la piazza antistanta la Chiesa. Nella serata invece, dopo sempre la recita del Rosario ed il canto delle Litanie, ci sarà la Solenne celebrazione dei Vespri della Viglia, presieduta da S.E. Mons. Francesco Alfano presule della Arcidiocesi di Sorrento/Castellammare di Stabia, alla quale prenderanno parte le autorità civili e militari della città. Al termine di questa celebrazione, l’Arcivescovo si recherà nella cripta sulla tomba di Sant’Antonino dove dopo la recita della preghiera al Santo Abate, ci sarà il bacio della Croce di Sant’Antonino.

Il giorno della Solennità, 14 febbraio vedrà la celebrazione della Sante Messe dalle ore 5,00 del mattino sino alle ore 13,00. Il momento clou della giornata si avrà alle ore 9,00 quando ancora una volta portato a spalla dai marinai di Marina Piccola, il simulacro argenteo del Santo lascerà la Basilica e percorrerà le strade della Sorrento Antica, Via San Cesareo, Via e Vico fuoro fino a raggiungere l’ospedale Santa Maria della Misericordia per dare una “carezza” ed una speranza a coloro i quali sono in degenza presso il nosocomio sorrentino. Dopo, percorrendo il Corso Italia giungerà in Cattedrale ove ad attendere il Santo Abate ci saranno l’Arcivescovo il Capitolo della Cattedrale e tutte le autorità civili e militari. Al rientro della processione in basilica, intorno alle ore 11,00 circa, vi sarà la solenne concelebrazione presieduta da Mons. Alfano con i parroci ed i sacerdoti partecipanti alla processione.

In serata ci sarà alle ore 18,00 la Messa con panegirico del Santo che chiude i festeggiamenti liturgici, mentre quelli civili, saranno chiusi alle ore 20,00 con uno spettacolo pirotecnico nello specchio d’acqua antistante il porto di Sorrento, offerto dall’Amministrazione Comunale.

Precedente La nostra alimentazione: angelo o demone? Convegno a Sorrento Successivo Castellammare, verifiche sulla differenziata; decine di multe ai trasgressori